SECONDARIE

Trieste, 3 marzo 2016. Documentazione fotografica di attività per ragazzi, organizzata da Riserva Marina di Miramare. ph Massimo Goina

SECONDARIE

DIDATTICA BLU

– VISITA GUIDATA AL BIOMA 
– IDENTIFISH 
– SCOVAZZE A-MARE 
– MACRO E MICRO PLASTICHE
– PLASTIC MAN 
– CHIMICA-FISICA DEL MARE  
– LA BIODIVERSITA’ IN UNA RESTA  
– ESCURSIONE ALLE MITILICOLTURE     – L’AMBIENTE DI MAREA 
– DAL PROFONDO DEL PIATTO 
– IL BENTHOS 
– IL PLANCTON
– SEAWATCHING IN RISERVA

DIDATTICA VERDE

– UN PARCO TRA MARE E CARSO  
– IL CARSO A PICCO SUL MARE
– CHIMICA-FISICA ITINERANTE
– COSTE DEL FVG: DOVE LA TERRA INCONTRA IL MARE 
– UOMO-AMBIENTE: IL SENTIERO NATURA    
– REGALI DI BIODIVERSITA’ 

DIDATTICA BLU

VISITA GUIDATA AL BIOMA

Un’“immersione”, facile e fruibile a tutti e in tutte le stagioni, studiata per avvicinare gli studenti alla Biodiversità marina e ai caratteristici ambienti della Riserva, dalla superficie del mare fino alle sue profondità̀. La visita si conclude al primo piano del Biodivesitario Marino per affrontare sotto un vortice di plastica e un’onda di rifiuti il tema degli impatti umani sull’ambiente marino….  

TARGET: I e II grado

VISITA BIOMA WWF AMP MIRAMARE

IDENTIFISH

La sistematica è un gioco? Osservare e associare teste, corpi, code, tentacoli e appendici ci aiuterà a parlare delle caratteristiche sistematiche degli organismi marini e di comprendere come strutture, forme, dimensioni, colori e funzioni siano in stretta relazione con l’ambiente di vita. Ogni specie è parte di un “puzzle” grande e complesso che racchiude specie animali e vegetali, evolutesi e adattate all’ambiente in cui vivono. 

TARGET: classi I (secondarie di I grado)

identifish

SCOVAZZE A-MARE

L’immondizia, a Trieste, si chiama così, al plurale: le scovazze. E sono davvero “a-mare” quelle che – in barba ai divieti – si intrufolano anche nelle aree protette, sopra e perfino sotto il mare, seguendo venti, correnti e maree. Non risparmiano neppure le spiagge più belle, come quella delle ex Scuderie di Miramare, un gioiello incastonato tra i giganteschi faraglioni bianchi di calcare, sede di questa attività, estremamente pratica. La ricerca, l’asporto e l’analisi quali-quantitativa dei rifiuti rinvenuti in un transetto di spiaggia permetteranno di osservare e poi analizzare l’impatto dei rifiuti di origine antropica sull’ambiente naturale, offrendo spunti per riflettere sul modo in cui essi intervengano negli equilibri naturali, interferendo perfino con le catene alimentari. 

TARGET: I e II grado

rifiuti spiaggetta ok rid

MACRO E MICRO PLASTICHE – PLASTIC MAN

Attraverso un laboratorio affronteremo il grave problema dell’inquinamento marino causato dalle insidiose macro e microplastiche, scopriremo da dove provengono, quali sono le loro caratteristiche chimico-fisiche, i potenziali effetti sugli ecosistemi marini e sulla salute umana. Nel laboratorio setacceremo campioni di sabbia scoprendo quante e quali microplastiche vi si nascondano, proveremo a classificarle e ad osservarle con lenti, microscopi e osserveremo alcuni processi che portano alla loro produzione e dispersione nell’ambiente.

TARGET: I e II grado

© 2020 Roberto Pastrovicchio

CHIMICA-FISICA DEL MARE

Chi ben inizia… parte dalla pratica! In questa attività gli studenti inizieranno proprio rilevando – con l’utilizzo di strumentazioni scientifiche – i parametri più importanti dell’acqua marina (come salinità, densità, quantità di ossigeno presente), oltre a quelli meteomarini, come la temperatura dell’aria, la pressione atmosferica e la velocità del vento. Questi dati, nient’affatto asettici, offriranno una nuova chiave di lettura per la comprensione dell’ecosistema mare e del suo ruolo nella vita del pianeta Terra. 

TARGET: I e II grado


IMG-20160331-WA0002

LA BIODIVERSITA’ IN UNA RESTA

Che cos’è una “resta”? Sono pochi a saperlo, eppure è parte fondamentale del processo di mitilicoltura, una tecnica di allevamento sostenibile dei “frutti di mare”. 

E cosa c’entra la biodiversità? I filari sommersi, dove fluttuano allineate le reste, costituiscono un habitat ricchissimo di vita, che andremo ad osservare grazie ad un campione proveniente dagli allevamenti di mitili poco distanti dall’area protetta: vi scopriremo – grazie a lenti e microscopi – una moltitudine di organismi diversi, come stelle serpentine, vermi policheti, ascidie, nudibranchi, anemoni di mare e perfino spugne, che proveremo a determinare e classificare. 

TARGET: I e II grado


STUDIO RESTE MITILICOLTURA WWF AMP MIRAMARE

ESCURSIONE ALLE MITILICOLTURE

Un’escursione sul motopeschereccio dei mitilicoltori, con imbarco dal porto di Grignano, ci condurrà agli impianti di allevamento dei mitili davanti a Santa Croce, per vedere dal vivo cosa si cela sotto le file di galleggianti che colorano il Golfo di Trieste, per toccare con mano le reste dei mitili e scoprire la storia e la tecnica della mitilicoltura. Durante l’escursione lo staff WWF offrirà agli studenti anche alcuni spunti di interpretazione del paesaggio marino-costiero e di educazione alla sostenibilità e al consumo consapevole dei prodotti del mare.

TARGET: I e II grado

VISITA MITILICOLTURA WWF AMP MIRAMARE

L’AMBIENTE DI MAREA

Uguale e sempre diversa, la marea è la protagonista di un’attività sul campo che si svolge sulla spiaggia delle ex Scuderie di Miramare, fruibile solo se accompagnati dalle guide WWF. Il Golfo di Trieste (assieme a quello di Gabes, in Tunisia) registra le più ampie escursioni di marea di tutto il Mediterraneo, raggiungendo addirittura i 2 metri tra la minima e la massima giornaliera. Le ampie porzioni di ambiente intertidale che rimangono “scoperte” durante i cicli di bassa marea, rappresentano un ambiente al limite, abitato da pochi organismi marini evolutisi e adattati a resistere in condizioni estreme, a rischio di disidratazione e di predazione. Questo modulo didattico, da svolgersi rigorosamente sul campo e solo in presenza di bassa marea, permette agli studenti di mettersi in gioco e cercare sulla spiaggia, negli anfratti sotto alle rocce e nelle pozze di marea, gli organismi animali e vegetali che si sono adattati a vivere per lunghe ore fuori dall’acqua, per riflettere poi assieme alle guide WWF sui concetti di adattamento ed evoluzione. 

TARGET: I e II grado

Trieste, 3 marzo 2016. Documentazione fotografica di attività per ragazzi, organizzata da Riserva Marina di Miramare. ph Massimo Goina

DAL PROFONDO DEL PIATTO

Che pesce mangiamo? sappiamo il nome delle specie che si nascondono nei ben noti bastoncini di pesce? e il tonno in scatola da dove arriva? il surimi che animale è? In questa attività ogni studente è chiamato a mettersi in gioco, partendo dalla propria esperienza “alimentare” e andando a scoprire quante e quali sono le specie di pesce commestibile presenti nel golfo di Trieste. Per farlo ci muoveremo attraverso le sale del Biodiversitario Marino, dove più di 100 specie sono rappresentate in 3D, per allargare poi la riflessione e ragionare – attraverso un lavoro a squadre – sugli impatti delle nostre scelte alimentari sulla conservazione della biodiversità marina, in relazione alla provenienza delle specie che finiscono nei nostri piatti ma anche alla stagionalità del loro consumo e alle diverse tecniche di pesca utilizzate. 

TARGET: I e II grado

dal profondo del piattto wf amp miramare

IL BENTHOS

Una vasta distesa di sabbia e fango a perdita d’occhio: ecco come si presenta buona parte del fondale del Golfo di Trieste, un panorama solo apparentemente anonimo, dove vivono, in realtà, innumerevoli forme di vita, mimetizzate sopra e sotto il substrato. Sono le specie bentoniche, organismi che nuotano, camminano o strisciano lungo il fondale, dal quale si discostano raramente, capaci come sono di vivere affossati o ricoperti dal sedimento, nel quale si riparano e dal quale tendono temibili agguati alle proprie prede. Questo laboratorio permette agli studenti di setacciare e analizzare campioni di fondale marino proprio per l’analisi del benthos che vi abita: l’osservazione diretta della ricchezza di specie, ad occhio nudo o con lenti e microscopi, permetterà di individuarne i principali caratteri sistematici e comprenderne abitudini di vita e ruolo ecologico. 

TARGET: I e II grado

DSC_0184mod

IL PLANCTON

Sospesi, a galla o in balia delle onde e delle correnti, gli organismi planctonici, animali e vegetali, rappresentano una famiglia molto variegata, che verrà esaminata dagli studenti grazie all’utilizzo di microscopi ottici e stereo-microscopi. Ma non solo, i ragazzi saranno anche coinvolti nella preparazione dei campioni di plancton vivo (prelevati con un’apposita retinata dallo staff) e fissato, e la loro analisi consentirà di individuare le particolari strutture di questi organismi animali e vegetali e di comprendere l’importante ruolo che rivestono per l’ecosistema marino in quanto base della piramide alimentare ecologica. 

TARGET: I e II grado

© 2020 Roberto Pastrovicchio

SEAWATCHING IN RISERVA

Osservare il mare, dagli orizzonti più ampi ai dettagli più piccoli, non è solo un passatempo estivo ma anche un’attività didattica che può offrire molti spunti e riservare molte sorprese. Grazie all’utilizzo di maschera, boccaglio e pinne, i partecipanti, divisi in piccoli gruppi e accompagnati da una guida WWF, svolgeranno una vera e propria escursione in mare, alla scoperta del mondo sommerso dell’Area Marina lungo un percorso pinneggiato che si snoda sotto al castello di Miramare, a pochi metri dalla riva. 

TARGET: I e II grado

Snorkeling_sotto_al_castello_amp_miramare

DIDATTICA VERDE

UN PARCO TRA MARE E CARSO

Dagli Anni Settanta Miramare è il cuore di una Riserva della Biosfera tutelata dall’UNESCO, un luogo elettivo in cui uomo e ambiente convivono in armonia e in cui Natura, Arte e Storia si esprimono in un’atmosfera senza tempo. La conformazione geologica, naturalistica e faunistica e gli aspetti culturali che ruotano attorno alla presenza degli Asburgo a Miramare, fanno sì che il Parco sia ricco di spunti per una panoramica sulle caratteristiche del territorio carsico-costiero e della sua storia: spunti che potranno essere esplorati con una piacevole passeggiata guidata lungo i vialetti, vista bosco o vista mare, alla scoperta di elementi interessanti dal punto di vista botanico, faunistico, geologico e paesaggistico. 

TARGET: I e II grado

visita parco ms Versione 2

IL CARSO A PICCO SUL MARE: IL SENTIERO RILKE

Questa semplice escursione didattica lungo lo spettacolare itinerario che attraversa la Riserva Naturale delle Falesie di Duino, si snoda lungo un sentiero estremamente panoramico, ricco di spunti geologici (con l’osservazione diretta delle forme di carsismo di superficie), faunistici (protagonista assoluto, anche se molto schivo, l’algiroide magnifico simbolo della Riserva, ma anche il falco pellegrino o il gufo reale) e vegetazionali, straordinari in ogni stagione per la compresenza di elementi della flora mediterranea, continentale e illirica, ricca di preziosi endemismi come il fiordaliso del Carso. Non mancherà qualche nota culturale e storica per inquadrare i più notevoli elementi del paesaggio antropico, come il Castello dei Principi della Torre e Tasso o la sottostante e turistica baia di Sistiana. 

TARGET: I e II grado

RILKE STUDENTI WWF AMP MIRAMARE

CHIMICA-FISICA ITINERANTE

Questo particolare laboratorio a tappe si svolge nel corso di una passeggiata lungo il corso del fiume Timavo, fiume carsico e misterioso per eccellenza, che a San Giovanni di Duino riaffiora dopo un lungo percorso sotterraneo, per sfociare dopo poche centinaia di metri nei pressi del Villaggio del Pescatore: dalle risorgive alla foce, gli studenti raccoglieranno e analizzeranno alcuni campioni d’acqua per valutarne i principali parametri chimico-fisici quali il pH, l’ossigeno disciolto o la temperatura, dal punto di vista qualitativo e quantitativo, e per far emergere la variazione dei parametri stessi tra l’acqua dolce delle risorgive a quella salmastra della foce. Il laboratorio a cielo aperto si svolgerà in piccoli gruppi e con l’utilizzo di strumenti da campo e schede per la raccolta dati.

TARGET: I e II grado

IMG-20160331-WA0002

COSTE DEL FVG: DOVE LA TERRA INCONTRA IL MARE 

Dalla laguna alle falesie, dalle ex valli da pesca ai porti romani, dalle chiaviche alle marine, dai fari alle dune: saranno questi elementi – naturali ed antropici – a guidarci nell’attività e ad offrire agli studenti nuovi strumenti di lettura e interpretazione del paesaggio marino-costiero. L’attività si compone di una parte teorica, condotta presso l’aula polifunzionale WWF a San Giovanni di Duino, per introdurre la variegata realtà della linea di costa della regione, ponendo l’accento sulle particolarità morfologiche, evolutive, naturalistiche, antropiche, storiche e paesaggistiche della stessa, e a seguire, da una parte pratica sul campo, presso il Villaggio del Pescatore, che permetterà di approfondire il tema della spiaggia naturale, dell’escursione di marea, dell’ambiente di risorgiva e di foce, delle specie botaniche autoctone e alloctone e della straordinaria presenza di un sito archeologico nella stessa zona costiera.

TARGET: I e II grado

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

UOMO-AMBIENTE: IL SENTIERO NATURA

La proposta didattica si propone di approfondire la tematica che fa da sfondo alla logica delle Riserve della Biosfera istituite nell’ambito del programma MaB (Man and Biosphere – Uomo e Biosfera) UNESCO, ovvero lo sviluppo di un territorio attraverso sistemi ed economie sostenibili in armonia con la conservazione delle risorse naturali e del paesaggio. Al fine di osservare e analizzare il paesaggio verrà proposto un itinerario a piedi all’interno della Riserva della Biosfera di Miramare, lungo il Sentiero Natura che conduce dal borgo di Contovello, sul ciglione carsico, fino al Parco di Miramare o all’interno dello stesso Parco demaniale, per permettere l’osservazione del territorio carsico e dell’ambiente costiero naturale (forme geologiche, fauna, flora) a cui verrà associata l’osservazione delle modificazioni del territorio apportate dall’uomo (terrazzamenti, muretti a secco, mitilicolture ecc.). Al termine dell’escursione i ragazzi verranno avvicinati ai mestieri e alle tradizioni del mare tramite un’attività didattica – a scelta tra un laboratorio sulla mitilicoltura e uno sulla pesca sostenibile – da svolgersi presso la sede didattica e museale dell’Area Marina Protetta presso le ex Scuderie di Miramare, il Biodiversitario Marino. 

TARGET: I e II grado

sentiero_natura_ms

REGALI DI BIODIVERSITA’ 

Quali sono i benefici che la natura fornisce all’uomo? Non solo cibo e materie prime ma anche altri servizi nascosti e insospettabili, senza i quali però non potremmo sopravvivere.  Sapete ad esempio come la natura ci protegge dalle catastrofi naturali o cosa vuol dire “impronta ecologica”? Con l’aiuto di attività di ragionamento e di discussione, gli studenti cercheranno di capire assieme quali fondamentali benefici, chiamati servizi ecosistemici, noi esseri umani otteniamo dalla natura; sono veri e propri regali dalla biodiversità di cui tutti noi abbiamo bisogno, anche se non ce ne rendiamo conto. L’argomento sarà sviluppato con un percorso ragionato e si potrà svolgere in due modalità: in classe oppure all’aperto in parco di Miramare: durante questa attività i ragazzi si cimenteranno in una interpretazione del territorio cercando di capire come le modifiche umane influenzano gli ecosistemi e come posso modificare l’ambiente in modo sostenibile.

TARGET: I e II grado

SERVIZI ECOSISTEMICI WWF AMP MIRAMARE